RIAPRE LO SPORTELLO SIMEST PER LE MISURE DI FINANZA AGEVOLATA

Simest finanziamenti PMI

A partire dal 28 OTTOBRE 2021, RIAPRE LO SPORTELLO SIMEST PER RICHIESTE DI FINANZIAMENTI E CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO per le imprese impegnate in processi di internazionalizzazione e di transizione digitale ed ecologica.

 

SIMEST ha pubblicato i dettagli delle nuove misure di agevolazione.

Per le PMI in forma di SOCIETÀ DI CAPITALI e con sede legale in Italia sarà possibile presentare domanda di agevolazione che comprende una quota di finanziamento agevolato (tasso attuale pari allo 0,055%) senza necessità di presentare garanzia, più una quota di contributo a fondo perduto del:

  • 40% se la PMI possiede almeno una sede operativa, attiva da minimo 6 mesi rispetto alla data di presentazione della Domanda, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
  • 25% per le PMI degli altri territori.

 

Le misure di agevolazione riguardano tre ambiti di intervento:

PARTECIPAZIONE DELLE PMI A FIERE E MOSTRE INTERNAZIONALI, ANCHE IN ITALIA, E MISSIONI DI SISTEMA.

Possono accedere le PMI che abbiano depositato almeno un bilancio relativo a un esercizo completo e che abbiano almeno il 50% del fatturato derivante dalla vendita di beni e servizi prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

L’agevolazione si calcola sui costi da sostenere entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, per un importo non superiore a 150.000 €.

Le spese ammissibili riguardano in generale:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

Spese per area espositiva

Spese logistiche

Spese promozionali

Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

Almeno il 30% dell’importo deve riguardare spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra (anche virtuale): tale vincolo non si applica nel caso l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali.

 

SVILUPPO DEL COMMERCIO ELETTRONICO DELLE PMI IN PAESI ESTERI (E-COMMERCE).

Possono accedere le PMI che abbiano depositato almeno due bilanci relativi a due esercizi completi e che abbia almeno il 50% del fatturato derivante dalla vendita di beni e servizi prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

L’agevolazione è condizionata ad un investimento da sostenere entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento e relativo a:

creazione di una nuova Piattaforma propria: max 300.000 €;

miglioramento di una Piattaforma propria già esistente: max 300.000 €;

accesso ad un nuovo spazio o store di una Piattaforma di terzi (market place): max 200.000 €.

Categorie generali di spesa ammissibile:

Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place (categoria obbligatoria)

Investimenti per la piattaforma oppure per il market place

Spese promozionali e formazione relative al progetto

 

TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA DELLE PMI CON VOCAZIONE INTERNAZIONALE.

Possono accedere all’agevolazione le società con un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

I progetti devono essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento e prevedere spese per un importo totale non superiore a 300.000 € e così ripartite:

almeno il 50% per la Transizione Digitale (ad es. integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali, in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali, spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0, investimenti ecc.).

per non più del 50% spese relative a:

investimenti per la sostenibilità in Italia (ad es. efficientamento energetico);

internazionalizzazione (ad es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri);

valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento.

 

Ogni misura prevede specifici requisiti di accesso e categorie di spesa ammissibile.

La documentazione e le dichiarazioni necessarie si potranno precaricare in anticipo, già dal 21 ottobre. Il 28 ottobre alle 09:30 si aprirà lo sportello per presentare definitivamente la domanda.

Ciascuna PMI potrà presentare una sola domanda.

CONTATTACI per valutare le opportunità e per un supporto alla preparazione della domanda.